Visualizzazioni totali

lunedì 26 novembre 2018

L'invenzione dell'acqua calda


Quando si dice "hai inventato l'acqua calda" si fa riferimento a conoscenze  note da sempre, spesso dandone per scontata la loro utilità. Sono ovvi anche gli effetti benefici che l'acqua calda regala al nostro organismo. Ribadirne il concetto, pertanto, può essere solo utile, considerato che contribuisce a  ridurre lo stress e l'ansia, favorisce la digestione, aiuta la circolazione sanguigna agevolando la vasodilatazione, aiuta a combattere la stipsi, riduce i gonfiori addominali  e produce effetti benefici sulla muscolatura favorendone il rilassamento. L'abitudine a bere una bella bevanda calda, soprattutto al mattino, è sempre da consigliare, pur nella consapevolezza che si corre il rischio di sentirsi dire "…hai scoperto l'acqua calda"!
Nip


venerdì 16 novembre 2018

Uragani e riscaldamento globale


Sempre meno dubbi sui drammatici effetti del riscaldamento della nostra atmosfera. Dopo gli studi che hanno accertato un aumento del 10% delle precipitazioni dovuto all'incremento della temperatura dei nostri mari, arriva ora lo studio di due ricercatori californiani del Lawrence Berkeley National Laboratory che temono ulteriori effetti negativi sulla violenza degli uragani. Uno dei più potenti degli ultimi anni, l'uragano Sandy che ha colpito l'America centrale e la costa orientale degli USA nel 2012, ha raggiunto picchi massimi di velocità dei venti di 185 chilometri orari. Secondo lo studio, tali velocità potrebbero crescere anche del 30% e sfiorare i 230km/h. La prospettiva non è affatto rosea e richiederebbe una presa di coscienza da parte delle grandi masse, in modo da indurre alla riflessione approfondita coloro che hanno in mano le leve decisionali della politica.
NiP

venerdì 9 novembre 2018

La scoperta delle "pulsar"


Quando nel 1967 Jocelyn Bell scoprì la prima 'pulsar' (stella di neutroni che emette segnali radio ad intermittenza regolare) era una giovane studentessa di Cambridge, allieva del prof. Antony Hewish al quale poi andò il Nobel per la fisica. La studiosa non manifestò alcun risentimento, ma solo soddisfazione per il successo della propria scoperta. Successivamente il mondo scientifico le riconobbe gli eccezionali meriti assegnandole diversi premi, ultimo dei quali lo «Special Breakthrough Prize» che vale tre milioni di dollari (l'equivalente di tre Nobel). Lei decide di devolvere l’importo del premio all’Institute of Physics di Londra per finanziare borse di dottorato di ricerca destinate a giovani che dimostrano di possedere talento ma non hanno disponibilità economiche. Una tale notizia dovrebbe dominare a caratteri cubitali le prime pagine dei giornali ed oscurare tutte le nefandezze che  quotidianamente ci avvelenano l'umore.
Nip

mercoledì 7 novembre 2018

La comprensione del testo


Quante volte ci capita di dover rileggere una frase per comprenderne il significato e memorizzarne il contenuto. Uno studio condotto presso l'Università giapponese "Future Hakodate"  ha evidenziato che il problema ha origine dall'interferenza di diverse aree del nostro cervello che possono "distrarre" e limitare la comprensione. Si tratta di "reti"  (salience e default) che bisogna disattivare per evitare le interferenze, nonché imparare a "spegnere" i pensieri che distraggono vanificando i processi di comprensione e memorizzazione. Il tutto documentato da scansioni di risonanza magnetica.  Lo studio, che offre una spiegazione alla condizione di chi vive con la testa tra le nuvole,   conferma la bontà del suggerimento che invita a  mantenere la  concentrazione durante la lettura.
Nip

venerdì 2 novembre 2018

Alluvioni e temperatura del pianeta


Sono sotto gli occhi di tutti le sempre più frequenti "bombe d'acqua" che provocano vittime ed arrecano danni ovunque. Non ci sono nemmeno dubbi sulle cause ormai confermate dalle ricerche scientifiche e dai comprovati fenomeni  sempre più frequenti. Negli ultimi mesi sembra proprio che il calore accumulato dal mare durante i mesi estivi stia facendo aumentare la quantità di vapore acqueo che si diffonde nell'atmosfera trasformandosi in minacciose nubi  ed in disastrose intemperie che ritornano puntualmente e con sempre maggiore potenza. Quello che non si comprende è lo scetticismo di uomini potenti che potendo decidere delle sorti del nostro pianeta si ostinano ad ignorare l'evidenza, negano il fenomeno del surriscaldamento dell'atmosfera e remano contro le tendenze che mirano a ridurre le conseguenze disastrose dell'effetto "serra".
Nip